Georg Philipp Telemann

Georg Philipp Telemann (Magdeburgo 1681 – Amburgo 1767)

Georg Philipp Telemann, coevo di Bach e Händel, a torto viene spesso considerato come musicista “minore”; la sua musica, dalle forme eleganti e dalla sapiente struttura contrappuntistica, è un importante collegamento tra lo stile alto barocco e il primo classicismo.
Telemann, terminati gli studi a Lipsia nel 1701, contrariamente ai desiderata dei suoi familiari che volevano farne un principe del foro, si dedica esclusivamente alla musica. È un autodidatta, si serve con estrema facilità di strumenti come il violino, il flauto e il clavicembalo e dimostra grande talento compositivo. Già durante il periodo universitario aveva fondato a Lipsia il Collegium Musicum; nel 1708 viene nominato direttore dei concerti a Eisenach, poi, dal 1721 si stabilisce definitivamente ad Amburgo dove assume l’incarico di direttore di musica. Nel 1728 fonda il “Getreuer Musik-Meister”, il primo giornale di musica tedesco.
Compositore prolifico, Telemann ha scritto opere, passioni, 12 cicli annuali di cantate sacre, oratori, musica per voci e strumenti; ben nota è la Tafelmusik (musica da tavola), che strutturata in ouverture, quartetto, concerto, trio, e un brano soli­stico, si eseguiva durante i banchetti o come sottofondo, in occasione di eventi all’aperto. Da valido strumentista qual’era, Telemann tende sempre a mettere in evidenza l’abilità dell’esecutore; nelle sue opere possiamo inoltre riscontrare due momenti stilistici:  nel primo si dimostra compositore severo e attento alla tradizione contrappuntistica tedesca, successivamente, invece, fa prevalere una vena melodica dove la ricca orchestrazione francese si armonizza con l’elegante stile italiano.

Concerto per tromba, archi e continuo
(Adagio – Allegro – Grave – Allegro)
John Schroeder, tromba – Orchestra Sinfonica del Cile, Dir. David del Pino Klinge

Triosonata 7 da “Essercizii Musici”
Vivace – Mesto – Allegro
Ensemble “Il Giardinetto del Paradiso”
Annette Padberg, flauto
Tserl-Ho Zin  tiorba
Gudrun Fuß, viola da gamba
Kaung-Ae Lee, cembalo e direzione

Tafelmusik, Ouverture n.2
Andreas Lackner, tromba – Emma Black, oboe
Bach Consort Wien – Rubén Dubrovsky, cembalo e direzione

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...