Béla Bartók

Béla Bartók (1881 – 1945)

Béla Bartók, compositore e pianista ungherese, è uno dei pionieri dell’etnomusicologia; con Zoltán Kodály si dedica alla raccolta delle melodie popolari con riferimento all’area europea orientale e medio-orientale.

Béla Bartók inizia a studiare pianoforte con la madre; prosegue gli studi, anche di composizione, presso il Ginnasio di Bratislava e presso il conservatorio di Vienna, frequenta l’Accademia Reale della Musica di Budapest.
Nel 1907, nominato professore di pianoforte all’Accademia Reale, tralascia l’attività itinerante di pianista e si dedica con maggiore energia alla musica popolare; tra gli anni ’20 e ’30, effettua comunque alcune tournée concertistiche in Europa.
Con l’avvento del Nazismo, a cui si contrappone con estrema fermezza per le sue idee liberali, rinuncia alle esibizioni nei concerti e abbandona il suo editore tedesco; poi, allo scoppio della seconda guerra mondiale, matura la decisione di lasciare l’Ungheria per trasferirsi negli USA.
Tuttavia a New York ha difficoltà ad adattarsi ai ritmi ed allo stile di vita americani ed è costretto a vivere in condizioni economiche precarie, alleviate in qualche modo da una serie di concerti e da una borsa di studio che gli viene erogata per svolgere una ricerca sulle canzoni tradizionali iugoslave.
Ammalato di leucemia Béla Bartók si spegne nel 1945; seppellito nel cimitero di Hartsdale (NY), dal 1988 le sue spoglie mortali sono custodite nel cimitero Farkasreti di Budapest.

Nelle composizioni di Bartók ritroviamo elementi, temi, canzoni e figure ritmiche di matrice folklorica; nei lavori del primo periodo è anche forte l’influenza della musica di Debussy che Kodály, da Parigi, aveva portato in Ungheria.
Il primo brano che mostra chiaramente il delinearsi del suo stile è il Quartetto per archi n. 1 del 1908; altrettanti riferimenti li troviamo nelle 14 bagatelle per pianoforte, anch’esse del 1908, dove Bartók, distaccandosi dal romanticismo, si esprime con armonici basati su intervalli diminuiti ed eccedenti, sulla bitonalità e sulla rozza ritmicità timbrica. Nel 1911 compone “Il castello di Barbablù”, opera in un atto basata sulla solitudine dell’animo umano, dalla quale non ottiene il successo sperato.
Il balletto “Il principe di legno” e il Quartetto per archi n. 2 lo pongono all’attenzione internazionale. Ricordiamo anche i Tre studi per pianoforte, del 1918, in cui più che il virtuosismo emergono le idee creative e bizzarre. Durante la permanenza negli USA pubblica l’esuberante Concerto per Orchestra ed una complessa Sonata per Violino.

La pantomima “Il Mandarino Meraviglioso” è, probabilmente, il lavoro più conosciuto; rappresentato per la prima volta all’Opera Municipale di Colonia il 28 novembre 1926, suscita enorme scandalo e viene immediatamente proibito per oscenità a causa degli argomenti trattati: prostituzione, furto e omicidio. Le musiche, peraltro, ben presto trovano affermazione nelle sale da concerto dove vengono eseguite in forma di suite sinfonica.

Musica per archi, percussioni e celesta
Musici de Montreal – Yuli Turovsky

Danze Rumene “Buciumeana”
Santa Rosa Chamber Orchestra

Il Mandarino Meraviglioso
Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Zubin Mehta


Annunci

One thought on “Béla Bartók

  1. Ero entusiasta di sentir suonare il suo concerto per orchestra al Teatro Regio di Torino e invece la direzione di Aykal [a mio modestissimo parere] lo ha proprio “appiattito”.
    E’ scivolato via senza che riuscissi a essere partecipe ai movimenti musicali..

    Rimane comunque uno dei miei compositiori preferiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...