Händel – Musica per i reali fuochi d’artificio

Georg Friedrich Händel – Musica per i reali fuochi d’artificio HWV 351

Scritta su commissione del re Giorgio II per celebrare la pace di Aquisgrana, la Musica per i reali fuochi d’artificio è stata eseguita nel Green Park di Londra il 27 aprile 1749 durante i festeggiamenti con i fuochi d’artificio, prodotti da una enorme struttura in legno costruita dallo scenografo Giovanni Niccolò Servandoni.
Allo scopo di porre l’accento sugli aspetti marziali della celebrazione, il re aveva preteso un robusto organico di soli fiati; furono impiegati, pertanto, nove trombe, nove corni, ventiquattro oboi, dodici fagotti e tre parti di timpani. Tuttavia, Händel aveva concepito un’opera per fiati e archi, e quindi, appena qualche giorno dopo la prima esecuzione, rielabora una seconda versione per un numero ridotto di strumenti a fiato ed affida ai violini le parti degli oboi, ai violoncelli e contrabbassi quelle dei fagotti, ed alle viole una parte del basso.
La suite, della durata di circa 17 minuti, inizia con una Ouverture in stile francese, nei tempi Adagio, Allegro, Lentement, Allegro; segue una Bourrée, poi una Siciliana dal titolo La Paix con virtuosismi del corno; un  Allegro, La Rejouissance, suonato tre volte da trombe, legni e archi, corni e legni, e poi da tutti gli strumenti insieme; infine chiudono due Minuetti, in re maggiore e in re minore, con il primo ripetuto.

Le Concert Spirituel, Hervé Niquet

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...