Joseph Martin Kraus

Joseph Martin Kraus (1756 – 1792)

Soprannominato il Mozart di Odenwald o il Mozart Svedese, Joseph Martin Kraus, compositore tedesco e principale figura musicale alla corte di re Gustavo III di Svezia, riassume le caratteristiche eclettiche dell’uomo del Rinascimento; non scrive soltanto musica nei diversi generi, ma anche poesie, poi raccolte nel volume “Versuch von Schäfergedichten”, una tragedia in tre atti, un trattato di estetica musicale con riferimento al movimento letterario “Sturm und Drang” ed articoli per la Stockholms Posten.
Sin dall’infanzia, Kraus dimostra spiccate attitudini musicali; studia a a Mannheim presso i Gesuiti, poi a Magonza, Erfurt e Gottinga, dove studia legge per adeguarsi ai voleri di suo padre; tuttavia, è la musica il suo principale interesse e ad essa finalizza tutte le sue risorse. In questo periodo, attratto dal movimento “Sturm und Drang”, compone un Requiem che, benché opera di un compositore giovanissimo, già denota notevole forza drammatica e idee originali. Scrive anche una tragedia in tre atti, Tolon, il trattato musicale “Etwas von und über Musik fürs Jahr 1777”, musica sacra e due oratori, “Die Geburt Jesu”, disperso, e “Der Tod Jesu” di cui, a differenza degli altri compositori, scrive anche il libretto.
Nel 1778 si trasferisce a Stoccolma dove, nel mese di giugno 1780 fa, rappresentare l’opera “Proserpina”, su libretto del re Gustavo III, basato sui versi del poeta Johan Henric Kellgren.
Con il successo di Proserpina, Kraus si guadagna la nomina a direttore della Reale Accademia Svedese della musica, inoltre ottiene di poter visitare i maggiori centri musicali d’Europa, venendo a contatto, così, con i protagonisti musicali del tempo, tra cui Haydn, Gluck, Martini, Salieri.
Al suo ritorno, nel 1787, Kraus viene incaricato della riorganizzazione dell’attività dell’Accademia di musica, nonchè dei suoi programmi di studio. Prosegue con fervore e tenacia nel suo lavoro compositivo, nonostante la tisi che lo stava consumando; si spegne infatti a Stoccolma, al culmine della sua carriera.
Nel ponderoso catalogo delle opere di Joseph Martin Kraus troviamo composizioni di tutti i generi, musica profana e musica sacra, sinfonie, concerti, opere e musica per balletto. Alcune sue sinfonie e pagine di musica strumentale sono state attribuite ad altri autori o sono andate disperse; la musica sacra, nonostante Kraus fosse cattolico, comprende pagine scritte anche per il culto luterano.

In te Domine speravi
Stuttgart Philharmonia Choir e Stuttgart Chamber Orchestra, dir. Helmut Wolf

Solimano II, Sinfonia alla turca
Kungliga Operans kör och orkester, dir. Philip Brunelle

Sinfonia in do min. per Gustavo III di Svezia
(Larghetto, Allegro – Andante – Allegro assai)
Concerto Köln, Werner Ehrhardt

Annunci

3 thoughts on “Joseph Martin Kraus

  1. se per soprannome ha “il Mozart svedese” qualche motivo ci sarà …

  2. Il fatto curioso è che (prima d’essere riscoperto) era già soprannominato così per le date di nascita e di morte. Coetaneo di Mozart, morì un anno e dieci giorni dopo di lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...