Franz von Suppé

Franz von Suppé (1819 – 1895)

Iniziatore dell’operetta viennese, oscurato poi da autori quali Johannes Strauss jr. e Jacques Offenbach, Francesco Ezechiele Ermenegildo Cavaliere di Suppé-Demelli, in arte Franz von Suppé, oggi è quasi dimenticato, scomparso dietro la propria musica che, tuttavia, capita di ascoltare come sottofondo di spot pubblicitari e programmi radio-televisivi.

Franz von Suppé, nato a Spalato da un italiano e da un’oriunda polacca, studia armonia e flauto a Verona; nel 1835 si trasferisce a Padova per studiare legge in ossequio ai desideri del padre. In segreto continua a studiare musica, la sua unica e vera passione; spesso si reca a Milano per ascoltare le opere dei grandi compositori italiani del tempo e conosce personalmente Gioachino Rossini, Gaetano Donizetti e Giuseppe Verdi.
Alla morte del padre, abbandona gli studi universitari e segue la madre a Vienna; qui frequenta il conservatorio della Società degli amici della musica e si mantiene agli studi con lezioni private di italiano.
Von Suppé trova occupazione come direttore d’orchestra in alcuni teatri di Vienna, tra i quali figura il “Theater in der Josefstadt”, il cui direttore, Franz Pokorny, notevolmente colpito dalle sue capacità, gli consente di poter rappresentare le proprie opere.
Con l’operetta in due atti “Das Pensionat”, rappresentata nel 1860 e dedicata alla figlia del suo benefattore Pokorny, arriva finalmente il successo agognato e, negli anni seguenti, la fama di Franz von Suppé si consolida con altre operette tra cui “La Dama di Picche”, “Cavalleria Leggera” e “Boccaccio”, liberamente ispirata dalla vita e dalle opere del celebre scrittore italiano.
Benché la sua produzione comprenda circa 30 operette e numerosissime musiche di scena per balletti e rappresentazioni teatrali, quasi tutte queste opere sono ormai dimenticate, fatta eccezione per alcune ouvertures. Quella che ancora oggi è maggiormente legata al suo nome, è la celeberrima ouverture della “Cavalleria Leggera” che inizia con la fanfara, espressione della tradizione militare austriaca, e termina in un eccitante galoppo che ricorda l’ouverture del Guglielmo Tell di Rossini.

Poeta e contadino
Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Georg Solti

La dama di picche
IBM Philharmonic Orchestra of Japan, Takeshi Ooi

Mattino, pomeriggio e sera a Vienna
Wiener Philharmoniker, Riccardo Muti

Cavalleria Leggera
The Cleveland Orchestra, Franz Welser-Möst

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...