Francesco Manfredini

Francesco Manfredini (1684 – 1762)

Francesco Onofrio Manfredini, talvolta citato come Francesco Maria Manfredini, violinista e compositore nato a Pistoia, offre un importante contributo nello sviluppo del “Concerto grosso”. È ricordato particolarmente per la raccolta dei dodici concerti opera 3, di cui l’ultimo è intitolato “Pastorale per il Santissimo Natale”, in ossequio alla prassi adottata negli ambienti bolognesi di chiudere una raccolta di musica d’insieme con una pastorale (v. Giuseppe Torelli, Concerti Grossi opera 8 del 1709).
Francesco Manfredini riceve una prima formazione musicale probabilmente da Sebastiano Cherici, maestro di cappella del duomo di Pistoia presso la quale il padre, Domenico Maria, era suonatore di trombone; successivamente, a Bologna, perfeziona la tecnica violinistica con Giuseppe Torelli e lo studio del contrappunto con Giacomo Antonio Perti.
Manfredini risiede per qualche tempo a Ferrara con l’incarico di primo violino presso l’Accademia dello Spirito Santo, poi, nel 1704, ritorna a Bologna occupandosi come violinista nella ricostruita orchestra di San Petronio e nella locale Accademia Filarmonica. Nel corso del 1711 si reca a Monaco per assumere l’incarico di maestro di cappella del principe Antonio Grimaldi a cui dedica i concerti dell’opera 3.
Rientra a Pistoia nel 1727 e vi rimane definitivamente; in questo periodo la sua produzione musicale è particolarmente indirizzata a soddisfare le richieste dell’oratorio di San Prospero annesso all’omonima chiesa della Congregazione Filippina.
Dell’opera di Francesco Manfredini sono noti pochi manoscritti e quanto pubblicato; nulla resta di gran parte della produzione sacra e delle musiche degli oratori.
Oltre ai Concerti dell’opera 3, sicuramente il suo miglior lavoro, ricordiamo la sua prima opera a stampa del 1704, una raccolta di dodici sonate da camera dedicata al “Signor Cavaliere Camillo Campiglia Gentiluomo di Camera dell’Altezza Reale di Toscana” e le “Sinfonie da chiesa a 2 violini e basso per l’organo et una viola con una pastorale”, del 1709. Tra gli oratori, figurano: San Filippo Neri, L’assedio di Samaria, Il doppio sacrificio del Calvario, Il discacciamento dal Paradiso terrestre, Il sacrificio di Jefte.
Il figlio Vincenzo (1737 – 1799), compositore, clavicembalista e teorico musicale, trascorre buona parte della sua vita a San Pietroburgo, alla corte dello zar Pietro III .

Concerto grosso in do magg. op.3 n.12 “Per il Santissimo Natale”
(Grave – Vivace – Largo – Vivace)
Radio Sinfonieorchester Stuttgart, dir. Luis Antonio Garcia Navarro

Concerto in re magg. per 2 trombe, archi e b.c.
(Allegro – Largo – Allegro)
Friedemann Immer (baroque trumpet, I)
Graham Nicholson (baroque trumpet, II)
Concerto Köln

Sinfonia n. 10 in mi min.
Olomouc Chamber Orchestra, dir. Pavel Vítek
(Adagio e spicco – Andante – Non tanto largo – Presto)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...