Einojuhani Rautavaara – Cantus Arcticus Op. 61

Einojuhani Rautavaara – Cantus Arcticus Op. 61

Einojuhani Rautavaara, musicista nato a Helsinki nel 1928, studia all’Accademia Sibelius con Aarre Merikanto e completa la sua formazione musicale alla Juilliard School di New York sotto la guida di Vincent Persichetti, Aaron Copland e Roger Sessions. In America, nel 1954, si aggiudica il premio Thor Johnsson con “A requiem in our time”, brano per ottoni e percussioni.
È autore eclettico, prolifico e di intenso misticismo, specialmente nelle sue ultime composizioni.

Scritto nel 1972, il Cantus Arcticus, sottotitolo concerto per uccelli e orchestra, è probabilmente il suo lavoro più noto; il brano, d’intensa armonia cromatica, struggente e inquietante, incorpora registrazioni del canto degli uccelli effettuate dallo stesso Rautavaara presso le paludi di Liminka, nel nord della Finlandia, e nelle vicinanze del Circolo Polare Artico.
Il primo movimento, La palude, inizia con un duetto di flauto, poi si aggiungono gli altri fiati seguiti dal canto degli uccelli. Il secondo movimento, Malinconia, fa uso di una registrazione rallentata del canto delle allodole. Il movimento finale, Cigni migratori, è un lungo crescendo per orchestra con, in dissolvenza, il canto dei cigni che si allontanano.

Helsinki Philharmonic Orchestra, dir. Leif Segerstam

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...