Franz Tunder

Franz Tunder (1614-1667)

Quest’anno ricorre il quarto centenario della nascita di Franz Tunder, esponente tra i più importanti della scuola organistica della Germania del Nord e suocero del grande Dietrich Buxtehude. Tunder è ricordato anche come il primo organizzatore in Germania dei concerti serali pubblici, i cosiddetti “Abendmusiken”, il primo tenuto a Lubecca nel 1646, durante i quali, oltre alla musica tedesca si eseguivano anche opere vocali italiane.

Franz Tunder studia con il padre e con Christian Prusse, Kantor della chiesa di Burg e, forse, con Girolamo Frescobaldi durante un suo viaggio in Italia in compagnia di Johann Heckelauer.
All’età di 18 anni è organista presso il castello di Federico III duca di Holstein-Gottorp; dal 1641 assume l’incarico di organista principale della Marienkirche di Lubecca, che terrà per il resto della sua vita.
Delle composizioni di Franz Tunder nulla era stampato; tutti i suoi lavori sono andati distrutti con la Marienkirche durante i bombardamenti di Lubecca della seconda guerra mondiale; alcune sue composizioni sono state ritrovate, fortunosamente, nella Biblioteca Reale di Uppsala insieme a quelle di altri autori tedeschi, tra cui Buxtehude, copiate e raccolte da Gustav Düben, organista e maestro di cappella della Corte Reale Svedese; la Biblioteca di Lüneburg conserva, inoltre, un manoscritto con sette variazioni corali per organo.
Tunder, nella musica per il servizio religioso nelle festività, prevede l’uso di un nutrito gruppo di strumentisti, in ciò manifestando l’influenza della scuola veneziana.

Preludio Corale “Komm Heiliger Geist”
Helmut Walcha, organo

“Salve coelestis pater”
Evgeny Skurat, basso

“Christ lag in Todesbanden”
Friedhelm Flamme, organo Christian Vater (1724) chiesa di San Pietro a Melle (D)

Annunci

Un pensiero riguardo “Franz Tunder

  1. Ai significativi esempi musicali proposti, aggiungo una composizione libera, cioè il Praeludium in Fa maggiore. Siamo ancora lontani dalla grandiosità visionaria del successore Buxtehude, ma qui domina una bella serenità e una misurata ampiezza. L’esecuzione è di Manuel Tomadin all’organo di S.Simpliciano in Milano, uno dei più belli e rinomati della città.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...