Haydn: Sinfonia n. 94 “La Sorpresa”

Haydn: Sinfonia n. 94 “La Sorpresa” (o Con il colpo di timpano)

Composta durante il primo dei due soggiorni di Haydn in Inghilterra, la Sinfonia in sol maggiore numero 94 viene eseguita per la prima volta il 23 marzo 1792 presso le Hanover Square Rooms di Londra ottenendo un clamoroso successo.
Joseph Haydn, nel comporre la sinfonia, vuole “sorprendere” l’uditorio spesso sonnecchiante durante l’esecuzione dei movimenti lenti, tenerne viva l’attenzione, pertanto, come scrive Giuseppe Carpani nelle sue Haydine (Padova 1812), “per svegliare il pubblico, ideò un andante ameno, dolce, piano e seducente, in cui, quando meno lo si aspetta, scappa fuori un colpo sterminato d’orchestra rinforzato da una botta di tamburone“; da questa “Sorpresa” prende nome la sinfonia, che nei paesi di lingua tedesca è conosciuta con il titolo “mit dem Paukenschlag”, con il colpo di timpano.
La Sinfonia 94, terza del gruppo delle “Londinesi”, e non la seconda nonostante il numero d’ordine, è una delle opere di Haydn più eseguite; esempio di grande equilibrio formale, il lavoro si caratterizza per l’uso temi a carattere popolare e per le numerose, diverse, soluzioni strumentali adottate. La partitura, articolata in quattro movimenti, prevede oltre alla sezione degli archi, timpani e coppie di flauti, oboi, fagotti, corni e trombe.

I movimento: Adagio cantabile – Vivace assai
Il tema principale, lirico, piacevolmente melodico, passa dagli archi ai fiati creando un effetto danzante; un tema secondario si affaccia in coda all’esposizione ma non costituisce contrapposizione dialogica. Tutto lo sviluppo è basato sull’elaborazione del motivo iniziale.
II movimento: Andante
È concepito in forma di variazioni su un tema popolare suddiviso in due parti, l’una marziale e ritmica, l’altra a carattere melodico; bruschi contrasti dinamici sottolineati dal timpano fanno da svegliarina.
III movimento: Minuetto, Allegro molto
Il Minuetto è un festoso “Ländler” nettamente in contrasto con il Trio.
IV Finale: Allegro di molto
L’ultimo movimento, in forma sonata, gioioso e brillante, assume connotati umoristici per effetto delle pause improvvise.

Wiener Philarmoniker, dir. Leonard Bernstein

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...