Sigismund Thalberg

Sigismund Thalberg (1812 – 1871)

Sigismund Thalberg, virtuoso pianista e compositore austriaco attivo per lungo tempo a Napoli, oggi è quasi del tutto dimenticato. Famoso all’epoca per le sue trascrizioni di temi d’opera, particolarmente ammirato per la sua tecnica straordinaria, Thalberg è considerato il fondatore della Scuola pianistica napoletana.
Nella prima metà del XIX secolo è l’unico in grado di contrastare il predominio pianistico di Liszt. La rivalità tra i due musicisti alimenta sulle pagine della Gazzetta Musicale di Parigi una frizzante polemica tra Berlioz, sostenitore di Liszt, e Fètis; la polemica si placa con il concerto-sfida del 31 marzo 1837, eseguito presso il palazzo della Principessa Cristina di Belgioioso, che non determina alcun vinto o vincitore, bensì riconosce in maniera definitiva e inequivocabile la grandezza e le peculiarità di entrambi gli artisti.
Sigismund Thalberg, nato a Pâquis, Ginevra, molto probabilmente dal principe Moritz Dietrichstein e dalla baronessa Maria Julia Wetzlar von Plankenstern, viene registrato come figlio di Joseph Thalberg e Fortunée Stein di Francoforte sul Meno.
Poco si conosce della sua infanzia e degli anni della sua formazione, e comunque alcune fasi della sua vita sono ancora avvolte dal mistero. Condotto a Vienna all’età di 10 anni, Thalberg riceve una prima istruzione musicale da sua madre, pianista dilettante; successivamente studia con Ignaz Moscheles, Friedrich Kalkbrenner e Johann Nepomuk Hummel. Da alcune annotazioni si apprende che il 7 maggio 1824 è presente al Teatro Imperiale di Vienna per assistere alla prima esecuzione della nona sinfonia di Beethoven.
La sua prima apparizione in pubblico è a Londra, il 17 maggio 1826; dal 1827 Thalberg si esibisce regolarmente a Vienna eseguendo soprattutto musiche di Beethoven e Hummel. Nel 1828 pubblica la sua prima opera, una fantasia su melodie tratte dall’Euryanthe di Carl Maria von Weber. Nel 1830, a Vienna, incontra Mendelssohn e Chopin che apprezzano le sue sorprendenti capacità tecniche. Nel mese di novembre 1835 intraprende una lunga tournée in tutta Europa, soggiornando a lungo a Parigi e Londra, e poi negli Stati Uniti e nell’America Latina.
Nel 1864 Sigismund Thalberg, che nel 1843 aveva sposato Francesca Lablache, la figlia maggiore di Luigi Lablache, primo basso al Théâtre des Italiens di Parigi, si trasferisce definitivamente a Napoli determinando con la sua intensa attività didattica e concertistica la nascita della Scuola pianistica napoletana di cui oggi è il riconosciuto caposcuola.

Concerto per pianoforte in fa min. op. 5
(Allegro moderato – Adagio – Rondò: Allegro)
Francesco Nicolosi, pianoforte
Razumovsky Symphony Orchestra, dir. Andrew Mogrelia

Grande Fantasia sul Barbiere di Siviglia di Rossini
Valentina Lisitsa, pianoforte

Notturno Op.16/1
Istvan Horvath-Thomas, pianoforte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...