Bach: Suites Inglesi BWV 806-811

Bach: Suites Inglesi BWV 806-811

Caposaldo della musica barocca, le Suites Inglesi per clavicembalo sono l’ennesima dimostrazione dell’abilità di Johann Sebastian Bach nello stupire ed affascinare l’ascoltatore con le sue idee musicali e ritmiche, ancorché affidate ad un solo strumento.
Il manoscritto originale è andato perduto, tuttavia ci sono pervenute alcune copie trascritte dagli allievi di Bach, tra cui quella del 1725 ad opera di Heinrich Nikolaus Gerber. La diversità degli elementi stilistici è indicativa di una stesura diluita nel tempo; gli studiosi ritengono che Bach abbia iniziato a scrivere le Suites Inglesi nel 1715 durante la sua permanenza a Weimar, completandole poi tra il 1717 e il 1723 a Cöthen e Lipsia.
Diverse ipotesi sono state avanzate per giustificare l’appellativo “Inglesi”. Secondo Johann Nikolaus Forkel, il primo biografo di Bach, le Suites sarebbero state commissionate da un ricco gentleman inglese. Per alcuni, l’appellativo “Inglesi” deriverebbe dall’annotazione “fait pour les Anglois” apposta in testa alla prima Suite in una delle prime copie dei manoscritti. Occorre ricordare che la sequenza formata da un preludio iniziale e altri movimenti in forma di danza era tipica dei compositori francesi residenti in Inghilterra, e Bach conosceva molto bene, e le aveva anche copiate, le opere per tastiera di Charles Dieupart, compositore francese attivo a Londra. Difatti queste sei composizioni appaiono inizialmente con il titolo “Préludes avec leurs Suites”, poi divenuto “Suites avec Prélude”.
Ognuna delle sei Suites inizia con un preludio e, tranne che per la prima, con un ritornello in stile fugato; il primo assolo dà inizio a un nuovo materiale tematico nuovo. Questo schema si addice perfettamente al clavicembalo a due tastiere, rappresentando la superiore il solista e quella inferiore la massa orchestrale. Il Preludio è seguito da quattro danze nazionali: Allemande (tedesca), Courante (francese o italiana), Sarabande (spagnola), Gigue (inglese); danze stilizzate, slegate ormai da ogni utilizzazione coreutica. Prima della Giga sono inserite alcune danze minori (Galanteries): Gavotta, Bourrée, Minuetto e Passepied; ciascuna può essere accompagnata da una gemella in forma di variazione, “double”, o in forma di contrasto, “alternative”.

 
Suite Inglese n. 2 in la min. BWV 807
(Prelude, Allemande, Courante, Sarabande, Bourrée I et II, Gigue)

Ampio Preludio a due voci; il tema principale ricorda il “tutti” di un concerto vivaldiano. Allemande caratterizzata da linee imitative sobrie ed eleganti che sono presenti, seppure accennate, anche nella semplice e snella Courante. La Sarabande, dalle linee discendenti che troviamo anche nell’Aria “Es ist vollbracht” della Passione secondo Giovanni, viene subito ripetuta arricchita di ornamentazioni. Lo slancio brioso della Bourrée I richiama l’allegria del II Concerto Brandemburghese, mentre la Bourrée II rassomiglia ad una Musette per la presenza di note a lungo tenute. Una breve ripetizione della Bourrée I, poi la Giga chiude degnamente la Suite.

Pierre Hantaï, clavicembalo

 
Suite Inglese n. 6 in re min. BWV 811
(Prelude, Allemande, Courante, Sarabande, Double, Gavotte I, Gavotte II, Gigue)

Delle sei composizioni è la più ampia per dimensioni. Il Preludio, basato su accordi arpeggiati, sostenuti e adornati da passaggi a carattere melodico, si conclude con un lungo trillo che dà origine ad un difficile e articolato ritornello. Anche le danze seguenti sono molto elaborate; la Sarabande è ricca di abbellimenti. La Gavotte II è simile ad una Musette pastorale; la Gigue, con due accompagnamenti obbligati del tema, spesso eseguiti con la stessa mano, è tecnicamente molto impegnativa.

Mayako Sone, clavicembalo

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...