Quirino Gasparini

Quirino Gasparini (1721 – 1778)

Quirino Gasparini, sacerdote, compositore e violoncellista, apprezzato maestro di cappella, è ricordato soprattutto quale autore del mottetto “Adoramus te Christe”, ritenuto fino al 1922 uno dei capolavori di Wolfgang Amadeus Mozart.
Nato a Gandino, Bergamo, Quirino Gasparini studia composizione a Milano con Giovanni Andrea Fioroni, poi completa la sua formazione musicale a Bologna con Padre Martini.
Nel 1745 è ordinato sacerdote; nel 1751 diventa membro dell’Accademia Filarmonica di Bologna superando l’esame d’ammissione con l’antifona a 5 voci “Exi cito in plateas et vicos”, il cui manoscritto autografo è lì tuttora conservato.
Quirino Gasparini è attivo come maestro di cappella a Bergamo, Brescia, Cremona e Vercelli, poi al Duomo di Torino, dal primo novembre 1760  e per il resto della sua vita.
Prolifico compositore di musica sacra, Gasparini scrive anche alcuni trii e quartetti per archi e due opere liriche: “Artaserse”, su testo di Metastasio, rappresentata a Milano nel 1756 e “Mitridate re del Ponto”, presentata a Torino nel 1767 su libretto di Vittorio Amedeo Cigna Santi, quello stesso che verrà utilizzato da Mozart qualche anno più tardi.
Nel corso del 1771, durante il lungo viaggio in Italia, il quindicenne Mozart accompagnato dal padre, conosce Quirino Gasparini e la sua musica; ve n’è traccia anche fra i documenti conservati a Salisburgo tra i quali figura il manoscritto di un altro brano di Gasparini, “Plangam dolorem meum”. “Adoramus te Christe”, mottetto a quattro voci e basso continuo, per lungo tempo è stato considerato opera di Mozart; nel catalogo Köchel appare come K. 327. In realtà, Leopold Mozart, forse per motivi di studio, aveva copiato il manoscritto di Gasparini, privo di firma, e soltanto nel 1922 le ricerche di Hermann Spiess, maestro di cappella a Salisburgo, ne hanno consentito la corretta attribuzione al compositore bergamasco.

Adoramus te, Christe
Nord Dakota State University Concert Choir, dir. Jo Ann Miller

Stabat Mater per due soprani, archi e continuo
Ensemble Stradivaria, dir. Daniel Poulenard
Soprani: Isabelle Desrochers e Isabelle Poulenard
(play list 4 video)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...