John Herbert Foulds

John Herbert Foulds (1880 – 1939)

Compositore inglese, John Herbert Foulds rivolge le sue principali energie creative in opere ambiziose e sperimentali, spesso influenzate dalla musica indiana. John Foulds è l’autore di “World Requiem”, monumentale tributo a tutte le vittime della Grande Guerra, composto tra il 1918 e il 1921 ed eseguito per la prima volta l’11 novembre 1923 presso la Royal Albert Hall da ben 1.250 tra orchestrali e cantanti.
Nato a Hulme, John Herbert Foulds si forma alla scuola del padre, suonatore di fagotto nell’Orchestra Hallè di Manchester dove nel 1900 viene assunto come violoncellista. John Foulds compone anche per il cinema, per il teatro, e musica leggera; si ricordano in particolare le musiche per l’opera “Saint Joan” di George Bernard Shaw, basata sulla figura di Giovanna d’Arco, e “Keltic Lament”, movimento centrale della suite dedicata nel 1914 all’attore Lewis Casson, suo caro amico. Dal 1920 la BBC inizia a trasmettere con regolarità le sue canzoni, ma questo lo lascia insoddisfatto perché la sua musica “seria” non trova altrettanta collocazione.
Scemati il successo e l’interesse suscitati dal “World Requiem”, Foulds si trasferisce a Parigi dove, tra l’altro, lavora come accompagnatore di film muti.
Attratto dalle culture popolari, e in modo particolare da quella indiana, John Foulds sperimenta nuove forme espressive. “Lyra Celtica” è un concerto per voce di mezzosoprano, senza parole, e orchestra rimasto incompiuto.”Avatara” è un grande progetto operistico basato sulla vita di Krishna, incarnazione (avatar) del dio Vishnu. Anche quest’opera tuttavia resta incompiuta; Foulds completa soltanto i tre preludi orchestrali, uno per ciascun atto dell’opera, noti ed eseguiti come lavoro sinfonico dal titolo “Tre Mantra”.
Volto a concretizzare il suo sogno di una sintesi musicale tra Oriente e Occidente, Foulds nel 1935 inizia a lavorare in India. Raccoglie musica popolare, compone brani per ensemble di strumenti tradizionali, collabora con l’emittente radio di Nuova Delhi “All-India Radio” della quale nel 1939 gli viene affidata la direzione della filiale di Calcutta, muore però prima di trasferirsi nella nuova sede, improvvisamente stroncato dal colera.

Dynamic Triptych per pianoforte e orchestra, Op. 88: I) Dynamic Mode
Peter Donohoe, pianoforte

Arabian Night, BBC Concert Orchestra, dir. Barry Wordsworth

Three Mantras from Avatara, Op. 61b: Mantra III
City of Birmingham Symphony Orchestra, dir. Sakari Oramo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...