Ludwig Thuille

Ludwig Thuille (1861 – 1907)

Precoce talento musicale, compositore legato a Richard Strauss da profonda amicizia, Ludwig Thuille è oggi ingiustamente dimenticato; musicista d’ispirazione neoromantica, si distingue per alcune composizioni da camera di particolare pregio.

Nato a Bolzano in una famiglia originaria della Savoia, Ludwig Thuille sin da piccolo mostra una particolare attitudine verso la musica. La sua prima formazione musicale è curata dal padre, poi, rimasto orfano dei genitori,  la sua istruzione prosegue presso l’abbazia benedettina di Kremsmünster. Nel 1876 Ludwig Thuille si trasferisce a Innsbruck da una parente e dei suoi studi musicali si occupa Pauline Nagiller, vedova del compositore Matthäus Nagiller; prende lezioni di pianoforte e organo da Joseph Prembaur ed ha l’opportunità di frequentare la famiglia Strauss. All’età di diciotto anni Ludwig Thuille si stabilisce a Monaco di Baviera dove, per interessamento di Franz Strauss, il padre di Richard, viene ammesso alla Reale Scuola di Musica; Karl Barmen, un allievo di Liszt, è il suo insegnante di pianoforte, con Joseph Rheinberger studia organo, contrappunto e composizione.
Di questo periodo sono le sue prime composizioni, tra cui due quartetti per archi, un trio e un quintetto con pianoforte.
Tra il 1881 e il 1883 Thuille risiede a Francoforte dove beneficia di una borsa di studio alla Fondazione Mozart; l’incontro con il poeta e compositore Alexander Ritter è determinante per indirizzarlo verso la musica lirica. La sua prima opera, “Theuerdank” rimane inedita, salvo il preludio al primo atto che viene pubblicato col titolo di “Ouverture Romantica”; seguono nel 1896 “Lobetanz” e nel 1900 “Gugeline”, ambedue su testi di Otto Julius Bierbaum.
Ludwig Thuille dal 1890 insegna alla Reale Scuola di Musica di Monaco e nel 1893 sostituisce il suo maestro Rheinberger nella cattedra di composizione; gode di un’ottima reputazione sia come pianista e che come insegnante. Lascia una settantina di composizioni, per la maggior parte si tratta di musica da camera; probabilmente il suo lavoro più interessante è il Sestetto Opera 6 per pianoforte e quintetto di fiati composto nel 1888.

Sestetto in si bem. magg. Op. 6 per pianoforte e fiati
Yap Sin Yee, pianoforte
Wu Chieh-Chi, flauto
Jeremy Wong, oboe
Lim Liang Hui, clarinetto
Duan Shaohua, fagotto
Tan Chai Suang, corno

Concerto per pianoforte in re magg.
(Allegro con brio – Adagio sostenuto – Finale: Allegro vivace)
Oliver Triendl, pianoforte
Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, dir. Alun Francis

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...