Rossini: Cantata “Il pianto d’Armonia sulla morte di Orfeo”

Gioacchino Rossini: Cantata “Il pianto d’Armonia sulla morte di Orfeo”, per tenore, coro e orchestra

Gioacchino Rossini compone questa cantata nel 1808, all’età di 16 anni, come saggio di fine anno al Liceo Musicale di Bologna. Benchè sia un’esercitazione scolastica, “Il pianto d’Armonia sulla morte di Orfeo” è uno dei suoi primi importanti lavori; già sono riconoscibili i caratteri inconfondibili del suo stile. Il testo, opera dell’abate Girolamo Ruggia, è incentrato sul personaggio mitologico di Armonia, dea della concordia, in lacrime per la morte di Orfeo, personificazione del canto e quindi della musica. La partitura, è scritta per tenore, Armonia, e per coro maschile, un gruppo di ninfe; voci maschili per personaggi femminili farebbe pensare a un tocco d’ironia, forse involontario: il testo è stato scelto da Rossini o dai suoi insegnanti?
La Cantata è classicamente suddivisa nella successione di sinfonia, coro (Quale i campi Rodopei [*]), recitativo (Sparse il lacero crine), aria (Nelle spietate Furie destar pietoso pianto), recitativo (Ma tu che desti già sì dolce suono), aria finale con coro (Almo piacer de’ Numi).
La sinfonia iniziale, in due tempi, Andante e Allegro, mette in luce il talento ritmico di Rossini; possiamo apprezzare la ricca orchestrazione e un crescendo col rinforzo di corni e trombe. Chiusa la parentesi orchestrale, il brano è permeato da un’aura di tristezza; il coro e gli interventi delle trombe accrescono la tensione emotiva. L’aria finale è abbellita da un assolo di corno.
[*] Monti Rodopi, tra Bulgaria meridionale e Grecia, in mitologia considerati il luogo di nascita di Orfeo e di Euridice.

Ernesto Palacio, tenore
Slovak Philharmonic Choir
Radio Bratislava Symphony Orchestra
Carlo Rizzi, direzione

Sinfonia
“Quale i campi Rodopei”
“Sparse il lacero crine”
“Nelle spietate Furie destar pietoso pianto”
“Ma tu che desti già sì dolce suono”
“Almo piacer de’ Numi”osi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...