Roy Harris

Roy Harris (1899 – 1978)

Affermatosi negli anni ’30 del secolo scorso, Roy Ellsworth Harris è uno dei più prolifici sinfonisti americani; la sua musica è affabile, amichevole, cordialmente espansiva, quasi sempre presenta temi d’ispirazione popolare o innici, spesso utilizza procedimenti imitativi e contrappuntistici.
Roy Harris nasce a Chandler, Oklahoma, da genitori di origine mista, irlandese e gallese; cresce poi in California in una fattoria della San Gabriel Valley. Impara a suonare il pianoforte da sua madre e da autodidatta comincia a scrivere musica e a suonare il clarinetto. Frequenta l’Università di Berkeley, dove è allievo di Arthur Bliss, e studia privatamente con Arthur Farwell; tra il 1926 e il 1929 vive a Parigi completando la sua formazione nelle master class di Nadia Boulanger. A Parigi scrive la sua prima opera significativa, il Concerto per pianoforte, clarinetto e quartetto d’archi.
Ritornato in America, Roy Harris entra in contatto con Howard Hanson della Eastman School of Music di Rochester e con Serge Koussevitsky, direttore della Boston Symphony Orchestra, con i quali programma una serie di concerti per l’esecuzione delle sue opere. Nel 1934, sotto la direzione di Koussevitsky, la sua Sinfonia “1933” è la prima sinfonia americana ad essere registrata a fini commerciali.
Il pieno, grande successo arriva nel 1939 con la Terza Sinfonia, breve e raffinata, seguita dalla più ampia Quarta Sinfonia, basata su motivi popolari americani del XIX secolo, soprattutto del periodo della guerra civile.
Nel 1936 Roy Harris sposa la giovane pianista di successo Johana Duffy. La coppia si esibisce in numerosi concerti e spesso eseguono musiche e canti della tradizione popolare al fine di promuovere il folclore americano; nel 1959 Roy Harris istituisce l’International String Congress per contrastare quella che lui definiva carenza di strumentisti ad arco negli Stati Uniti.
Roy Harris è attivo anche come insegnante in prestigiose istituzioni musicali quali il Mills College, il Westminster Choir College, la Juilliard School of Music e l’UCLA, Università della California di Los Angeles.
Nel 1976 compone la sua ultima sinfonia dedicandola al Bicentenario Americano ma, proponendo temi basati sulla schiavitù e sulla guerra civile, in netto contrasto con l’umore celebrativo del paese, l’opera viene inesorabilmente stroncata dalla critica.
Il suo ricchissimo catalogo comprende almeno 200 opere di vario genere: per banda, per orchestra, voce, coro e formazioni cameristiche. Le 18 sinfonie, nelle quali Roy Harris fa uso di musica popolare e, in misura minore, anche di ritmi jazz, sono il suo importante contributo alla creazione di uno stile indigeno americano della composizione sinfonica. Peraltro, Roy Harris è anche un forte ammiratore delle forme pre-classiche europee e della polifonia rinascimentale, forme che non disdegna inserire in alcune sue pagine; una Fuga è presente nella sua terza sinfonia, una Passacaglia nella settima, mentre il Quartetto per archi n. 3 è interamente organizzato in quattro preludi e quattro fughe.

Sinfonia n. 3
New York Philharmonic, Leonard Bernstein

Sinfonia n. 4 “Folk Song Symphony”
Colorado Symphony Orchestra & Chorus, dir. Marin Alsop
I. The Girl that Left Behind Me (0:00)
II. Western Cowboy (3:50)
III. Dance Interlude (14:13)
IV. Mountaineer Love Song (17:16)
V. Dance Interlude (24:59)
VI. Negro Spiritual (28:04)
VII. When Johnny Comes Marching Home (37:24)

Quartetto per archi n. 3 (Quattro preludi e fughe)
(ispirato al Clavicembalo ben temperato di Bach)
Third Angle New Music Ensemble

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...