Melchior Franck

Melchior Franck (1579? – 1639)

Melchior Franck, musicista tedesco attivo nel periodo di transizione dal tardo rinascimento al primo barocco e per lungo tempo dimenticato, viene riscoperto alla fine del XIX secolo; autore soprattutto di  musica sacra, contribuisce alla diffusione oltr’alpe delle innovazioni stilistiche della scuola veneziana.
Si hanno poche notizie certe sulla vita di Melchior Franck, nato a Zittau intorno al 1579; molti documenti che lo riguardano sono andati distrutti in un grande incendio. Nel 1600 si trova ad Augsburg dove fa parte del coro della cappella musicale della chiesa di Sant’Anna. Nel 1601 insegna musica a Norimberga e dai contatti con Hans Leo Hassler apprende lo stile policorale veneziano. All’inizio del 1603 viene assunto dal duca Giovanni Casimiro di Sassonia-Coburgo con l’incarico di maestro di cappella.
Melchior Franck rimane a Coburgo per il resto della sua vita, peraltro trascorrendo in miseria l’ultimo periodo della sua esistenza a causa della Guerra dei Trent’anni.
Compositore estremamente prolifico, lascia più di seicento mottetti stampati in quaranta raccolte tra il 1601 e il 1636; la sua opera comprende anche musica profana, vocale e strumentale.
I suoi mottetti sono in vario stile, quasi tutti utilizzano il tardo linguaggio rinascimentale con un attento controllo delle dissonanze. Molti sono mottetti corali scritti in tedesco, altri sono nello stile policorale veneziano, ma senza realizzare l’effetto di spazialità dato che le parti antifonali sono tutte svolte all’interno del gruppo. Soltanto negli ultimi anni di attività sperimenta i diversi modi di utilizzare il basso continuo.

Sei Danze:
Aufzug, Pavana, Galliarda, Deutscher Tanz, Courante, Aufzug
Slokar Trombone Quartet
Jakob Stämpfli, basso
Jörg Ewald Dähler, organo
Hannelore Müller e August Wenzinger, viola da gamba

Salmi penitenziali:
Herr, für dir ist all mein Begierd
Verbirg dein Antlitz von meinen Sünden (2:03)
Ich bin so müd vom Seufftzen (4:18)
Darumb bekenn ich dir meine Sünde (7:38)
Denn ich essen Aschen wie Broth (10:03)
Weser-Renaissance, Bremen – Manfred Cordes

“Wer ist der”
Cantata per soprano e tenore (Isaia 56:1)
Olga Nazaykinskaya, soprano
Ivliy Semenenok, tenore
Alexander Konstantinov, violino
Olga Zhukova, violino
Natalya Azarkina, viola da gamba
Konstantin Shchenikov, arciliuto
Tatyana Andrianova, organo

Da Pacem Domine (Canone a 4)
Camerata de Caracas, dir. Isabel Palacios

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...