Jacob Regnart

Jacob Regnart (1540 – 1599)

Compositore franco-fiammingo tardorinascimentale, Jacob Regnart svolge la maggior parte della sua carriera al servizio degli Asburgo, a Praga, a Vienna e alla corte di Innsbruck.
Jacob Regnart, nasce a Douai, Nord della Francia, e condivide con altri tre suoi fratelli i primi anni di attività musicale. Fa parte del coro della cattedrale di Tournai; nel 1557 viene assunto come tenore presso la Hofkapelle di Praga. Si sposta a Vienna intorno al 1560 e qualche anno dopo pubblica alcuni mottetti. Studia in Italia dal 1568 fino al 1570.
Rientrato a Vienna, l’arciduca Massimiliano lo nomina maestro del coro, poi l’imperatore Rodolfo II gli affida la direzione della cappella musicale di corte.
Nel 1570 pubblica a Norimberga il primo volume di “Teutsche Lieder” a tre voci; nel 1574 pubblica a Vienna “Il Primo Libro delle canzoni italiane” a cinque voci, a cui nel 1581 segue il Secondo.
Chiamato dall’arciduca Ferdinando II, Jacob Regnart nel 1582 si reca a Innsbruck per dirigere la cappella di corte, che rinnova nel repertorio e arricchisce con l’inserimento di cantanti italiani e olandesi. Nel 1588 pubblica la raccolta “Mariale, hoc est, Opusculum sacrarum cantionum omnibus Beatissimae Virginis Mariae festivitatibus”; sono ventitrè mottetti mariani a quattro e otto voci, la sua migliore realizzazione in ambito sacro.
Alla morte di Ferdinando II, 24 gennaio 1595, l’orchestra di corte viene sciolta e Jacob Regnart ritorna a Praga; qui trascorre gli ultimi anni come assistente di Philippe de Monte.
La sua musica è molto apprezzata dai contemporanei, in particolare da Michael Praetorius; alle sue numerose composizioni vocali, sia in ambito sacro che secolare, si aggiungono 29 intavolature per tastiera o liuto. Jacob Regnart è ricordato principalmente per aver applicato alla canzone tedesca gli stili italiani del Madrigale serio e della più leggera Villanella; lo stile veneziano e la policoralità caratterizzano la “Litania Deiparae Virginis Mariae”, antesignana del “Vespro della Beata Vergine” che Claudio Monteverdi pubblicherà una trentina d’anni più tardi.

O vos omnes
Ensemble Versus

Stella quam viderant magi
Ensemble vocale Nova, dir. Colin Mason

Litania Deiparae Virginis Mariae
Capella Sancti Michaelis, Currende Consort & Concerto Palatino; dir. Erik Van Nevel

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...