William Billings

William Billings (1746 – 1800)

William Billings, maestro di canto e compositore, promotore di ensemble corali e scuole di canto, è considerato il padre della musica corale americana; lascia moltissime composizioni, quasi tutte impostazioni di inni sacri e quasi tutte per coro a cappella in quattro parti, nel cosiddetto stile “fuguing” (da non confondere con la fuga) da lui inventato.
Nato a Boston, Massachusetts, William Billings rimane orfano di padre all’età di 14 anni e per contribuire al sostentamento della sua famiglia trova occupazione come conciatore di pelli. In musica è autodidatta; in parte viene istruito da John Barry, uno dei membri del coro della Chiesa Nuova del Sud. Affermatosi come maestro di canto, Billings pubblica nel 1770, con il titolo “The New-England Salmo-Singer”, la sua prima raccolta di brani corali in cui è inserito anche “Chester”, brano che rivaleggia con “Yankee Doodle” come inno rivoluzionario. Il frontespizio di questa raccolta è opera dell’incisore e patriota statunitense Paul Revere.
Negli anni seguenti William Billings realizza complessivamente altre cinque raccolte: “The Singing Master’s Assistant” nel 1778, “Music in Miniature” nel 1779, “The Psalm-Singer’s Amusement” nel 1781, “The Suffolk Harmony” nel 1786, e “The Continental Harmony” nel 1794.
William Billings è un uomo segnato nel fisico: è claudicante, è privo della vista da un occhio, aspira costantemente tabacco. Si spegne all’età di 54 anni in povertà, dalle sue composizioni infatti non trae grossi guadagni; non essendo tutelato dalla normativa sul copyright, i suoi brani più famosi vengono ripubblicati in antologie ed innari di altri autori.
Quasi tutta la sua musica è scritta per coro a cappella in quattro parti; la maggior parte dei testi utilizzati sono del teologo e poeta britannico Isaac Watts, il rimamente è opera sua e di altri poeti locali. Nelle lunghe prefazioni alle sue opere Billings fornisce indicazioni sulle specifiche modalità di esecuzione; i suoi scritti riflettono la sua vasta esperienza come maestro di canto e, comunque, sono indicativi della pratica corale del periodo.

Chester

When Jesus wep’t the falling tear
Quire Cleveland, dir. Ross W. Duffin

I am the rose of Sharon
Quire Cleveland, dir. Ross W. Duffin

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...