Victor Herbert

Victor Herbert (1859 – 1924)

Compositore, violoncellista e direttore d’orchestra irlandese, americano d’adozione, Victor Herbert è ricordato principalmente per le sue operette e le commedie musicali che per oltre vent’anni, a cavallo tra i due secoli, hanno dominato a Broadway; ancora oggi qualcuna è in repertorio. Herbert si batte per i diritti degli autori e dei compositori ed è tra i fondatori nel 1917 di un’organizzazione tra le più importanti d’America, divenuta poi l’American Society of Composers, Authors and Publishers, ASCAP, organizzazione no-profit che protegge i diritti d’autore dei propri membri.
Victor August Herbert nasce a Dublino ma trascorre la sua infanzia a Stoccarda quando sua madre, rimasta vedova, sposa un medico tedesco. Studia al Conservatorio sotto la guida di Max Seifriz e all’età di 19 anni è un valente, apprezzato violoncellista; a Lugano suona con l’orchestra privata del barone Paul von Derwies, a Vienna si esibisce con l’Orchestra Eduard Strauss, ottiene poi il posto di primo violoncello dell’Orchestra Reale di Stoccarda.
Nel 1883 Victor Herbert debutta come compositore eseguendo la sua prima opera conosciuta, la Suite per violoncello e orchestra, Op. 3. Nel 1886 Hertbert si trasferisce negli Stati Uniti con sua moglie, il soprano Therese Förster che, scritturata dal Metropolitan di New York per “La Regina di Saba” di Karl Goldmark, ottiene un contratto anche per lui.
La carriera musicale di Victor Herbert prosegue affiancando all’attività concertistica quella di direzione orchestrale e di composizione. Nel 1893, dopo la morte di Patrick S. Gilmore, Herbert assume la direzione della famosa Banda del 22° Reggimento; dal 1898 al 1904 dirige la Pittsburgh Symphony Orchestra, poi, sull’esempio degli Strauss, fonda la sua propria compagine orchestrale, la Victor Herbert Orchestra, con la quale esegue musica classica e leggera.
Victor Herbert è un compositore estremamente prolifico. Per il teatro scrive una quarantina di operette, oltre a commedie e varietà musicali; lascia anche moltissima musica per orchestra, per pianoforte solista, concerti e suite per violoncello.
Uno dei suoi più grandi successi, l’operetta “Babes in Toyland”, rappresentata il 13 ottobre 1903 al Majestic Theatre di Broadway con quasi 200 repliche, è alla base del film comico del 1934 “March of the Wooden Soldiers – Babes in Toyland” con protagonisti la coppia Stanlio e Ollio.

“March of the Toys” da “Babes In Toyland”
Saint Louis Symphony Orchestra, dir. Leonard Slatkin

Art Is Calling for Me” dal Musical “The Enchantress”
Kiri Te Kanawa, soprano
West Australian Symphony Orchestra, dir. John Hopkins

Concerto per violoncello n. 2 in mi min. Op. 30
(Allegro impetuoso – Lento, Andante tranquillo – Allegro)
Marcelo Montes, violoncello
Orquesta Sinfónica de Córdoba, dir. Carlos Riazuelo

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...