Vilém Blodek

Vilém Blodek (1834 – 1874)

Musicista ceco del periodo romantico, compositore precocissimo, Vilém Blodek è autore di un discreto repertorio musicale, tuttavia condizionato dalla sua breve esistenza.
Vilém Blodek, nato Vilém František Plodek a Praga, in una famiglia di modeste condizioni economiche, studia presso l’Istituto degli Scolopi; completa la sua formazione al Conservatorio di Praga con Antonín Eiser per il flauto, con Jan Bedřich Kittl per la composizione. Da privato studia pianoforte con Alexander Dreyschok.
Fino al 1855 Vilém Blodek risiede a Lubyn, in Galizia, dove insegna musica presso il conte Zielinski. A Praga si esibisce come pianista, dirige inoltre il Männergesangverein, coro mschile per il quale compone numerosi inni patriottici. Nel 1860 Blodek ottiene la cattedra di flauto presso il Conservatorio di Praga; nel 1864 collabora con Smetana nella realizzazione del Festival shakespeariano. È attivo anche come compositore di musiche di scena per i teatri tedeschi e cechi.
Affetto da turbe mentali, Vilém Blodek trascorre nell’ospedale pschiatrico di Praga-Kateřinky gli ultimi quattro anni della sua vita; si spegne prematuramente all’età di trentanove anni.
Vilém Blodek esordisce come compositore nel 1847, quando ancora è alunno del conservatorio, presentando un sestetto per ottoni; il suo stile risente dell’influsso del suo maestro Kittl e dei primi romantici tedeschi. La maggior parte del suo repertorio è costituita da brani per flauto e pianoforte, e da una sessantina di musiche di scene. La Sinfonia in re minore, composta nel 1858, e il Concerto per flauto del 1862, sono i suoi lavori più importanti, ma il più noto è l’atto unico V studni (Nel pozzo), la prima opera comica ceca dove i dialoghi parlati sono sostituiti con recitativi. L’opera, presentata al Teatro Provvisorio di Praga a novembre del 1867, ottiene un gran successo rivaleggiando subito con la “La sposa venduta” di Smetana, in esecuzione in quello stesso periodo. La grande opera in tre atti Zítek, iniziata nel 1869 e rimasta incompiuta, è completata da František Xaver Váňa ed eseguita per la prima volta nel 1934, in occasione del centenario della nascita di Blodek.

Concerto in re magg. per flauto e orchestra
(Allegro risoluto – Adagio – Allegro molto vivace)
Elizabeth Bošková, flauto
Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Pilsen
con membri della scuola di musica B.Smetana e KHK WBU di Pilsen
Direttore: Jiří Štrunc

Sinfonia in re min.
Mov.I: Andante sostenuto – Allegro agitato
Mov.II: Andante sostenuto (09:08)
Mov.III: Scherzo (17:56)
Mov.IV: Finale, Molto vivace (24:09)
Pilsen Radio Orchestra, dir. Bohumír Liška
(registrazione radiofonica)

V studni: “Aj, jděte jen” (Ecco, basta andare), aria di Janek, scena VIII
Karel Kalaš, basso
Orchestra del Teatro Nazionale di Praga

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...