Friedrich von Flotow

Friedrich von Flotow (1812 – 1883)

Friedrich von Flotow, compositore tedesco attivo soprattutto in Francia, sovrintendente del Teatro di Corte a Schwerin, è ricordato soprattutto per l’opera Martha con la quale diventa celebre in tutta Europa.
Nato a Sanitz in una famiglia aristocratica, peraltro destinato alla carriera diplomatica, Friedrich von Flotow all’età di 16 anni ottiene di poter studiare musica al Conservatorio di Parigi; i suoi principali maestri sono Anton Reicha per la composizione e Johann Peter Pixis per il pianoforte. Durante gli anni di studio recepisce le influenze stilistiche di Auber, Rossini, Meyerbeer e Donizetti. Nel 1831 Flotow si stabilisce a Parigi dove, nel 1835, presenta Pierre et Cathérine, la sua prima opera; del 1837 è la prima versione dell’Antonio Stradella, opera romantica basata sulla vita avventurosa del compositore, che riscuote grande successo nella stesura definitiva. Flotow acquista fama durevole con Le naufrage de la Méduse, opera scritta in collaborazione con Auguste Pilati, su libretto di Hippolyte Cogniard, rappresentata nel 1839 al Teatro Reale “La Monnaie”; seguono altri 19 lavori tra cui Martha, la sua opera più amata dal pubblico,  rappresentata per la prima volta il 25 novembre 1847 al “Theater am Kärntnertor” di Vienna. Dal 1856 al 1863 è il direttore del teatro della corte ducale di Schwerin; trascorre gli ultimi anni di vita tra Parigi e Vienna prima di spegnersi a Darmstadt.
Friedrich von Flotow essenzialmente è un operista, ma nella sua produzione non mancano musiche di scena, balletti scritti per il teatro di Schwerin e alcuni pezzi strumentali. Le sue opere, una trentina, tutte tradotte in italiano, francese e inglese per raggiungere il più ampio possibile uditorio, sono tuttavia dimenticate già all’inizio del XX secolo, ad eccezione di Martha; di quest’opera, oltre alla famosa Ouverture, sono molto popolari l’aria di Lionello Ach, so fromm, nella versione italiana “M’apparì“, e il brano irlandese The Last Rose of Summer, cantato nel secondo atto da Martha, damigella d’onore della regina Anna.

Alessandro Stradella: Ouverture
WDR Rundfunkorchester Köln, dir. Helmuth Froschauer

Martha: Ouverture
Staatskapelle Berlin, dir. Johannes Schüler

Martha: “M’apparì tutt’amor”, aria di Lionello dal III Atto
Luciano Pavarotti

“Trio de Salon” per violino, violoncello e pianoforte
(Allegro moderato – Scherzo – Adagio – Finale: Allegretto)
Benjamin Bergmann, violino
Götz Dipper, violoncello
Antonella Pagano, pianoforte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...