João Domingos Bomtempo

João Domingos Bomtempo (1775 – 1842)

João Domingos Bomtempo, compositore portoghese di qualità, ma poco innovativo nel panorama musicale del suo tempo, è ricordato come ottimo pianista, famoso soprattutto a Parigi e Londra; molte delle sue opere sono ancora inedite e da scoprire.
João Domingos Bomtempo nasce a Lisbona; dopo una prima formazione musicale curata dal padre, il napoletano Francesco Saverio Buontempo, primo oboe dell’orchestra di corte portoghese, prosegue gli studi presso il Seminario Patriarcale e nel 1789 viene ammesso come corista nella Confraternita di Santa Cecilia.
Nel 1795 João Bomtempo sostituisce suo padre nell’orchestra della Casa Reale; nel 1801 lascia il Portogallo e, salvo qualche sporadica occasione, vi farà ritorno dopo circa vent’anni. Bomtempo dimora a Parigi dove intraprende la carriera di pianista; pubblica numerose sonate per pianoforte, la prima, col titolo Grande Sonata, è dedicata a Carlotta Gioacchina di Borbone regina di Portogallo. Nel 1809 compone la sua prima sinfonia per orchestra.
Nel mese di ottobre 1810 si trasferisce a Londra; compone, si esibisce nei concerti e svolge l’attività di insegnante di pianoforte. Tra le prime opere pubblicate a Londra figurano una serie di variazioni sul tema Nel cor più non mi sento di Paisiello, il Capriccio e Variazioni sull’inno inglese e tre Grandi Sonate per pianoforte; in occasione della vittoria dell’esercito anglo-portoghese sui francesi guidati dal generale Massena, Bomtempo compone la cantata Anthem Lusitano che viene accolta con entusiasmo dagli inglesi e dal corpo diplomatico. Festeggia la caduta di Napoleone e il Congresso di Vienna componendo la cantata A Paz da Europa.
Ritornato a Lisbona nel 1820, João Domingos Bomtempo simpatizza per il movimento liberale, scrivendo in più d’una occasione musica celebrativa; il 29 marzo 1821, quando si riunisce per la prima volta la Corte Costituente Generale Straordinaria, fa eseguire nella chiesa di San Domenico una sua Messa e il Te Deum in fa maggiore. Nel 1822 fonda a Lisbona una Società Filarmonica allo scopo di promuovere concerti pubblici che, eseguiti con una certa regolarità, s’interrompono a marzo del 1826 a causa della morte di Giovanni VI.
Durante la Guerra Civile portoghese Bomtempo trova rifugio sicuro presso il Consolato di Russia dove rimane fino alla vittoria dei liberali del 1834. Dal reggente Pietro IV è nominato insegnante di musica della giovanissima regina Maria II di Braganza; nel 1835 viene chiamato a dirigere il nuovo Conservatorio Nazionale. Prosegue nella sua attività di compositore e il 7 agosto 1842, giusto una decina di giorni prima di essere stroncato da un ictus, gli insegnanti e gli studenti del Conservatorio eseguono sotto la sua direzione una Messa festiva, la sua ultima composizione.
João Domingos Bomtempo lascia moltissima musica, in gran parte destinata al suo strumento, il pianoforte, oltre ad almeno due sinfonie per orchestra, cantate, inni e musica sacra; secondo i critici il suo capolavoro è il Requiem in Do minore Op. 23, composto nel 1818 in memoria del grande poeta portoghese Luís Vaz de Camões.

Sinfonia n. 1 in mi bem. magg. Op.11
Mov.I: Largo – Allegro vivace
Mov.II: Menuetto 07:30
Mov.III: Andante sostenuto 13:24
Mov.IV: Presto 19:11
Algarve Orchestra, Álvaro Cassuto

Requiem in do min. Op.23 “À memória de Camões”
Introitus – Kyrie
Dies Irae 09:25
Offertorium 30:42
Sanctus 39:59
Benedictus 42:52
Agnus Dei 46:08
Ana Pusar-Jerič, soprano
Heidi Riess, contralto
Christian Vogel, tenore
Hermann Christian Polster, basso
Orchestra Sinfonica e Coro della Radio di Berlino
Heinz Rögner, direttore

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...