Franz Anton Hoffmeister

Franz Anton Hoffmeister (1754 – 1812)

Franz Anton Hoffmeister è una delle figure di spicco nel panorama musicale viennese della seconda metà del XVIII secolo; oltre che compositore prolifico è anche un importante editore musicale.
Nato in Germania, a Rothenburg am Neckar, Franz Anton Hoffmeister si trasferisce a Vienna nel 1768; studia per diventare avvocato, ma presto si dedica alla musica sotto la guida di Johann Georg Albrechtsberger. Nel 1778 pubblica le sue prime sinfonie ed assume l’incarico di maestro di cappella presso il conte Ferenc von Szécsényi, nobile ungherese al servizio dell’imperatore Giuseppe II.
Nel 1784 Hoffmeister fonda una casa editrice; oltre alle sue composizioni inizia a pubblicare opere di Haydn, Mozart, Beethoven e Clementi; nel 1795 cede una parte dei suoi cataloghi all’editore Artaria. Nel 1800, durante una serie di concerti, conosce l’organista Ambrosius Kühnel ed insieme, a Lipsia, stabiliscono una nuova impresa editoriale sotto il nome di “Bureau de Musique”; le prime pubblicazioni sono composizioni da camera di Haydn e di Mozart e un’edizione in 14 volumi delle opere per tastiera di Johann Sebastian Bach. Nel 1805 Hoffmeister ritorna a Vienna e si dedica esclusivamente alla composizione; lascia tutti i diritti di pubblicazione a Kühnel contro una rendita vitalizia. L’azienda poi verrà acquisita da Carl Friedrich Peters e negli anni diverrà la famosa Edizioni Peters di Musica Classica.
L’ampia produzione musicale di Franz Anton Hoffmeister comprende una settantina di sinfonie e circa sessanta concerti per strumento, di cui 25 per flauto; non mancano quartetti per archi, tra i quali uno attribuito a Haydn, e otto opere, oggi non più rappresentate. La sua musica, piacevole all’ascolto, è caratterizzata da linee melodiche eleganti e scorrevoli, manca tuttavia di originalità.

Concerto per viola e orchestra in re magg.
Sara Ferrández, viola
Orchestra del Conservatorio Regina Sofia di Madrid
Frans Helmerson, direttore

Sinfonia in sol magg. “La festa della Pace”
Mov.I: Allegro
Mov.II: Poco adagio 09:13
Mov.III: Menuetto. Allegro – Trio 14:38
Mov.IV: Allegro molto “Turchesco” 18:51
London Mozart Players, dir. Matthias Bamert

Concerto per flauto e orchestra n. 16 in do magg.
(Allegro – Adagio – Rondò)
Bruno Meier, flauto e direzione
Prague Chamber Orchestra

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...