Christian Cannabich

Christian Cannabich (1731 – 1798)

Christian Cannabich, violinista e compositore tedesco, è considerato un innovatore della concertazione orchestrale; la sua opera svolta presso l’orchestra di Mannheim trova adeguato riconoscimento negli scritti di Charles Burney che la definisce come l’organico più completo e disciplinato d’Europa.
Johann Christian Innocenz Bonaventura Cannabich è il terzo figlio di Martin Friedrich Cannabich, flautista dell’orchestra di corte di Mannheim e personale insegnante di musica del principe elettore Carlo Teodoro di Baviera. Dopo una prima formazione curata dal padre, Christian Cannabich studia sotto la guida di Johann Stamitz, “Erster Hoff Violinist” dell’orchestra di corte; all’età di 12 anni viene ammesso come aspirante violinista nell’orchestra e diventa effettivo nel 1748. Nel 1750 Cannabich si trasferisce a Roma, inviato dal principe Carlo Teodoro per studiare con Niccolò Jommelli; nel 1753 segue il suo maestro a Stoccarda quando assume l’incarico di Ober-Kapellmeister. Qualche anno più tardi Cannabich è nuovamente in Italia e a Milano completa la sua formazione musicale con Giovanni Battista Sammartini.
Alla fine di marzo del 1757, prematuramente scomparso Johann Stamitz, Christian Cannabich lo sostituisce nell’incarico di primo violino e maestro concertatore; la sua attività è apprezzata da Cristiano IV, conte di Zweibrücken che nel 1764, recatosi a Parigi, lo ammette al suo seguito. In questa occasione Cannabich ha l’opportunità di conoscere il giovanissimo Mozart; Parigi, inoltre, è meta di ulteriori visite nelle quali si esibisce al “Concert Spirituel” e fa pubblicare molte sue composizioni.
Dal 1774 Christian Cannabich è chiamato a dirigere l’orchestra di Mannheim e tra i suoi compiti vi è anche quello di comporre musica per i balletti di corte allestiti da Étienne Lauchery; quattro anni più tardi si trasferisce con la corte a Monaco di Baviera. Muore a Francoforte sul Meno durante una visita a suo figlio Carl August Konrad, anche lui violinista.
Christian Cannabich lascia circa duecento composizioni tra sinfonie, concerti, musica da camera e per balletto; molte partiture oggi sono perse.

Sinfonia n. 50 in re min.
(Allegro non tanto – Andante con brio – Presto)
Nicolaus Esterházy Sinfonia, dir. Uwe Grodd

Les Fêtes du Seraïlles (musiche dal balletto)
L’arte del mondo, dir. Werner Ehrhardt

Sinfonia n. 68 in si bem. magg.
(Allegro – Andante moderato assai – Allegro)
Lukas Consort, dir. Viktor Lukas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...