Balakirev: Islamej, fantasia orientale Op. 18

Milij Alekseevič Balakirev: Islamej, fantasia orientale Op. 18

Islamej è il brano più famoso di Milij Alekseevič Balakirev, fondatore del Gruppo dei Cinque e una delle figure chiave del movimento nazionalista russo. Composto nel 1869 e irto di difficoltà, Islamej è stato definito da Nikolaj Rubinštejn un pezzo meraviglioso che pochi sapranno dominare. Il sottotitolo “fantasia orientale” sembra poco appropriato perché il lavoro è decisamente russo, basato su melodie che Balakirev aveva raccolto qualche anno prima durante un lungo viaggio attraverso il Caucaso e la Crimea; recenti studi musicologici indicano che quelle melodie sono tuttora presenti nella musica popolare di quella che fu l’Unione Sovietica.
Islamej si articola in tre sezioni. All’iniziale Allegro agitato, che introduce il tema principale derivato dalla “Lezginka”, una danza energica e veloce della regione caucasica Kabardino-Balkaria, si contrappone una parte intermedia, Tranquillo, Andantino espressivo, che utilizza la melodia di una canzone d’amore dei Tatari di Crimea. La terza e ultima sezione sezione, Allegro vivo, Presto furioso, è in buona parte occupata dal primo tema; la conclusione è affidata alla melodia romantica trasformata in un vivace “Trepak”, danza russa di origine cosacca.
Vivente Balakirev, Islamej è stato orchestrato sia da Alfredo Casella che da Sergej Ljapunov.

Valentina Lisitsa, pianoforte

Versione di Sergei Lyapunov
Orchestra Sinfonica della Russia, dir. Igor Golovschin

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...