Cornelis Dopper

Cornelis Dopper (1870 – 1939)

Cornelis Dopper è una figura di primo piano nel panorama musicale olandese dei primi decenni del XX secolo; compositore e insegnante, è per 23 anni il secondo direttore dell’Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam.
Cornelis Dopper nasce a Stadskanaal; rimasto orfano di entrambi i genitori, viene accolto da sua sorella il cui marito, il compositore Johannes Bernardus Kolkman, provvede alla sua formazione. Tra il 1888 e il 1889 Dopper studia al Conservatorio di Lipsia con Carl Reinecke e Salomon Jadassohn, poi, ritornato in patria, risiede a Groningen dove svolge l’attività d’insegnante di musica e direttore di coro.
Nel 1894 la Nederlandse Opera di Amsterdam presenta il suo primo importante lavoro, l’opera De blinde van Castel Cuillé; grazie al discreto successo ottenuto, Dopper viene assunto in qualità di violinista, maestro del coro e direttore d’orchestra. Nel 1903, quando la Nederlandse Opera viene sciolta, Cornelis Dopper lavora per il Lyric Tooneel; qui l’anno successivo esegue la sua quarta opera, Eerekruis. Nel 1904 termina anche la sua seconda sinfonia, Scozzese; la prima sinfonia, Diana, è datata 1896.
Tra il 1904 e il 1905 Dopper collabora come critico musicale con i giornali “De Echo” e “Het Leven” di Amsterdam; nel 1906 si reca in America, impegnato per due stagioni con la Henry Wilson Savage Opera Company di Boston; tra le varie opere che dirige anche in Canada e in Messico c’è anche Madama Butterfly di Puccini.
Nel 1908, rientrato ad Amsterdam, Cornelis Dopper presenta al Concertgebouw la sua terza sinfonia, Rembrandt; Willem Mengelberg, il direttore principale, lo nomina suo assistente, incarico che mantiene fino al 1931, quando sarà sostituito da Eduard van Beinum.
Come compositore Cornelis Dopper non è un innovatore; vanta però grande abilità nella colorazione orchestrale. Lascia un centinaio di opere nei diversi generi musicali; in esse manifesta il suo amore per la cultura e il paesaggio olandese, come attestano i titoli di molti suoi lavori. Accanto alla Ciaconna Gotica, considerata il suo capolavoro, si ricorda particolarmente la sua settima sinfonia, Zuiderzee, composta nel 1917. Nella sinfonia sono presenti melodie tratte dal Nederlandtsche gedenck-clanck, raccolta di poesie popolari e canzoni anti-spagnole di Adriaen Valerius (1626), e quando viene eseguita a novembre 1940, durante l’occupazione tedesca, per il pubblico del Concertgebouw assume valenza patriottica.

Ciaccona gotica
1. Adagio mesto, con molta tristezza
2. Largo
3. Adagio mesto
4. Allegretto-Moderato
Orchestra Sinfonica della Radio Olandese, dir. Kees Bakels

Alt-Niederländische Suite
Orchestra Sinfonica di Stockerau, dir. Ernest Frimmel

Sinfonia n. 7 “Zuiderzee”
(Allegro animato – Humoreske: Moderato – Andante rubato – Finale)
Netherlands Philharmonic Orchestra, dir. David Porcelijn

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...