Albert Lortzing

Albert Lortzing (1801 – 1851)

Albert Lortzing, compositore tedesco, cantante, librettista, è considerato uno dei maggiori rappresentanti dello “Spieloper”, genere di teatro musicale, variante germanica de l’Opéra comique francese. I suoi personaggi sono per la maggior parte spiritosi o fiabeschi, tuttavia è presente nel repertorio romantico con l’opera “Undine” composta nel 1845; lascia inoltre un contributo alla causa insurrezionale con l’opera politico-rivoluzionaria “Regina oder Die Marodeure” (Regina era il nome di sua moglie, scritta nel 1848 a sostegno dell’associazione nazionalista “Movimento Libertà” ed eseguita postuma a Berlino nel 1899.
Nato a Berlino, Gustav Albert Lortzing è figlio di una coppia di attori itineranti che gli trasmettono la passione per il teatro; sin da bambino mostra un eccezionale talento musicale, inizia a comporre da autodidatta, poi studia pianoforte con Greibel e teoria musicale con Rungenhagen.
All’età di 12 anni debutta in teatro a Friburgo; dapprima intrattiene il pubblico negli intervalli recitando poesie comiche, poi, man mano che la compagnia si sposta nelle varie città, interpretando ruoli diversi, anche di tenore o di baritono in proprie brevi composizioni.
Collabora con il teatro di corte di Detmold e nel 1826 presenta l’oratorio “Die Himmelfahrt Christi”; tre anni più tardi, quando va in scena la tragedia di Grabbe “Don Giovanni und Faust”, accompagnata dalle musiche di Lortzing, un giornale di Francoforte loda la rappresentazione ma erroneamente ne attribuisce la paternità al musicista, favorendolo con questo equivoco.
“Ali, Pascha von Janina or Die Franzosen in Albanien”, singspiel in un atto presentato a Münster nel 1828, ottiene un buon successo; grandi favori suscita poi la sua prima opera comica, “Die Beiden Schützen”, allestita a Lipsia nel 1837. L’opera “Zar und Zimmermann”, nella quale il ruolo di Peter Ivanov è assunto dallo stesso compositore, viene accolta con scarso entusiasmo a Lipsia, ma trionfa a Berlino nel 1839 ed oggi è considerata tra i brani più importanti dell’opera buffa tedesca. Notevoli consensi riscuote anche l’opera buffa “Der Wildschütz oder Die Stimme der Natur”, rappresentata a Lipsia nel 1842. Nel 1850 Albert Lortzing inizia a lavorare per il nuovo teatro “Friedrich-Wilhelm-Städtisches” di Berlino.
“Die Opernprobe oder Die vornehmen Dilettanten” è la sua ultima opera, viene messa in scena a Francoforte sul Meno il 20 gennaio 1851; la mattina successiva Albert Lortzing muore improvvisamente, stroncato da un infarto cardiaco.

“Zar und Zimmermann”: Holzschuhtanz (Danza degli zoccoli)

“Ali, Pascha von Janina or Die Franzosen in Albanien”: Ouverture
Kölner Rundfunkorchester, dir. Jan Stulen

“Undine” (III Atto): “Vater, Mutter, Schwester, Brüder”
Peter Schreier, tenore
Staatskapelle Dresden, dir. Siegfried Kurz

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...