Bach: Cantata “Ach Herr, mich armen Sünder” BWV 135

Johann Sebastian Bach: Cantata “Ach Herr, mich armen Sünder” BWV 135

La cantata “Ach Herr, mich armen Sünder” BWV 135 (Signore, sono un povero peccatore), composta a Lipsia per la III domenica dopo la Trinità, viene eseguita per la prima volta il 25 giugno 1724. L’opera è interamente basata sull’inno omonimo in sei strofe scritto nel 1597 dal pastore protestante Cyriakus Schneegass; il testo ha qualche nesso con le letture di quella domenica, l’esortazione all’umiltà e alla vigilanza di cui la Prima Lettera di Pietro (5:6-11) e le parabole della “pecorella smarrita” e della “moneta perduta” del Vangelo di Luca.
La cantata, articolata in sei movimenti, è scritta per tre voci soliste, contralto, tenore e basso, coro in quattro parti, cornetto, trombone, due oboi, due violini, viola e basso continuo.

Coro: Ach Herr, mich armen Sünder
Recitativo (tenore): Ach heile mich, du Arzt der Seelen
Aria (tenore): Tröste mir, Jesu, meine Gemüte
Recitativo (alto): Ich bin von Seufzen müde
Aria (basso): Weicht, all ihr Übeltäter
Corale: Ehr sei ins Himmels Throne

Il primo movimento è un’intensa fantasia corale in cui tutti partecipano al gioco polifonico; le otto righe di testo della prima strofa sono trattate prima dagli strumenti, poi dal coro. La dolce melodia degli oboi si stacca sul canto fermo degli archi; l’impostazione vocale è rinforzata dal trombone e dal continuo.
Il tenore, dopo un recitativo secco che esprime pentimento e ansia, intona un’aria accompagnato dagli oboi, dove chiede, con opportune sospensioni, conforto a Gesù.
Il recitativo del quarto movimento, per contralto e continuo, è costruito sopra una variante della prima melodia.
La vigorosa aria del basso è sostenuta dagli archi con una frase ripetuta due volte in bassa tonalità per poi innalzarsi con forza.
Un semplice corale dalla scrittura rigorosa chiude la cantata; la voce del soprano è rinforzata dal cornetto.

Annette Markert, alto
Christoph Prégardien, tenore
Klaus Mertens, basso
Amsterdam Baroque Orchestra & Choir, Ton Koopman

1. Coro – Trombone, Oboe I/II, Violino I/II, Viola, Continuo
Ach Herr, mich armen Sünder
Straf nicht in deinem Zorn,
Dein’ ernsten Grimm doch linder,
Sonst ist’s mit mir verlorn.
Ach Herr, wollst mir vergeben
Mein Sünd und gnädig sein,
Dass ich mag ewig leben,
Entfliehn der Höllenpein.
Signore, sono un povero peccatore,
non punirmi nella tua collera,
addolcisci la tua terribile rabbia,
altrimenti sarò perduto.
Signore, se tu volessi perdonare
i miei peccati ed essere clemente con me,
potrei vivere per sempre
evitando i tormenti dell’inferno.
2. Recitativo [Tenore] – Continuo
Ach heile mich, du Arzt der Seelen,
Ich bin sehr krank und schwach;
Man möchte die Gebeine zählen,
So jämmerlich hat mich mein Ungemach,
Mein Kreuz und Leiden zugericht;
Das Angesicht Ist ganz von Tränen aufgeschwollen,
Die, schnellen Fluten gleich, von Wangen abwärts rollen.
Der Seele ist von Schrecken angst und bange;
Ach, du Herr, wie so lange?
Guariscimi, medico delle anime,
sono molto debole e malato;
posso persino contare le mie ossa,
pietosa è la mia sventura,
la sofferenza della croce mi colpisce;
i miei occhi sono gonfi di lacrime
che come torrenti scendono lungo le guance.
La mia anima è inquieta e piena di paura;
ah, Signore, perchè sei così lontano?
3. Aria [Tenore] – Oboe I/II, Continuo
Tröste mir, Jesu, mein Gemüte,
Sonst versink ich in den Tod,
Hilf mir, hilf mir durch deine Güte
Aus der großen Seelennot!
Denn im Tod ist alles stille,
Da gedenkt man deiner nicht.
Liebster Jesu, ist’s dein Wille,
So erfreu mein Angesicht!
Gesù, conforta il mio spirito
altrimenti sprofonderò nella morte,
con la tua bontà aiutami, aiutami,
nella grande angoscia della mia anima!
Poiché nella morte tutto è silenzio,
non c’è più il ricordo di te,
caro Gesù, se questa è la tua volontà,
riempi di gioia il mio viso!
4. Recitativo [Contralto] – Continuo
Ich bin von Seufzen müde,
Mein Geist hat weder Kraft noch Macht,
Weil ich die ganze Nacht
Oft ohne Seelenruh und Friede
In großem Schweiß und Tränen liege.
Ich gräme mich fast tot und bin vor Trauern
alt, Denn meine Angst ist mannigfalt.
Sono affaticato dai miei sospiri,
il mio spirito non ha né forza né potere
perchè tutta la notte,
senza pace e riposo per la mia anima,
mi avvolgo nel sudore e nelle lacrime.
Muoio dalle preoccupazioni e invecchio per
il dolore, molteplici sono i miei timori.
5. Aria [Basso] – Violino I/II, Viola, Continuo
Weicht, all ihr Übeltäter,
Mein Jesus tröstet mich!
Er lässt nach Tränen und nach Weinen
Die Freudensonne wieder scheinen;
Das Trübsalswetter ändert sich,
Die Feinde müssen plötzlich fallen
Und ihre Pfeile rückwärts prallen.
Ecco, voi tutti scellerati,
il mio Gesù mi consola!
Dopo le lacrime e i pianti farà brillare
ancora il sole della gioia;
la tempesta della tristezza si calma,
i nemici dovranno presto cadere
e le loro armi si ritorceranno su loro stessi.
6. Corale [S, C, T, B] – Cornetto, Oboi, Violino I col Soprano, Violino II coll’Alto, Viola col Tenore, Continuo
Ehr sei ins Himmels Throne
Mit hohem Ruhm und Preis
Dem Vater und dem Sohne
Und auch zu gleicher Weis
Dem Heilgen Geist mit Ehren
In alle Ewigkeit,
Der woll uns all’n bescheren
Die ewge Seligkeit.
Nel trono del cielo sia reso onore
con ogni lode e gloria
al Padre, al Figlio
e nello stesso modo
allo Spirito Santo
per tutta l’eternità,
affinchè possa concedere a noi tutti
perenne beatitudine.

testo tedesco/italiano da http://www.bach-cantatas.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...