Stevan Mokranjac

Stevan Mokranjac (1856 – 1914)

Stevan Mokranjac è la figura più importante nel panorama musicale della Serbia tra il XIX e il XX secolo; elabora motivi popolari e religiosi introducendoli nella musica d’arte per conferirle un proprio spirito nazionalistico, spesso indicato come il “padre della musica serba”, costituisce un modello per i musicisti delle generazioni successive.
Stevan Stojanovic Mokranjac nasce a Negotin, cittadina del Nord-Est della Serbia, prossima ai confini con Romania e Bulgaria.
Appassionato di musica, Mokranjac all’età di 10 anni riceve in regalo il suo primo violino; frequenta il liceo a Zaječar e come studente di scuola superiore fa parte della Società Corale Serba. La sua formazione musicale prosegue studiando a Monaco di Baviera con Josef Rheinberger, a Roma con Alessandro Parisotti e al Conservatorio di Lipsia con Salomon Jadassohn e Carl Reinecke.
Nel 1887 Stevan Mokranjac assume la direzione della Società Corale di Belgrado; qui lavora come insegnante di musica al Liceo e maestro di canto presso il Seminario. Insieme a Stanislav Binički e Cvetko Manojlovic istituisce nel 1899 la prima scuola permanente di musica, forma anche il primo quartetto d’archi della Serbia, nel quale suona come violoncellista. Muore a Skopje, dove si era trasferito all’inizio della prima guerra mondiale, per l’aggravarsi di una malattia epatica.
L’opera di Stevan Mokranjac è incentrata principalmente sulla musica vocale; le sue composizioni religiose sono molto più numerose rispetto a quelle secolari e, in quell’ambito, si ricordano soprattutto “Opelo”, l’equivalente ortodosso del Requiem, e la “Liturgia di San Giovanni Crisostomo” del 1901, con il meraviglioso Inno dei Cherubini.
Il suo lavoro più rappresentativo è costituito dalla raccolta di quindici suite corali intitolate “Rukoveti” (ghirlande), complessivamente ottantadue canzoni composte tra il 1883 e il 1913 che, appunto come tante ghirlande di fiori selvatici, dai colori e profumi diversi e vivaci, incorporano motivi popolari della Serbia, della Bosnia-Erzegovina, del Montenegro, del Kosovo e della Metochìa, della Macedonia, della Bulgaria.

Tebe pojem
Coro Madrigalisti di Belgrado, dir. Jelena Bubulj

Liturgia di San Giovanni Crisostomo: Svjati Bože
Beogradski Kamerni Hor, dir. Vladimir Markovic

“Šta to miče kroz šibljiče?”, V ghirlanda dal ciclo Rukoveti
Coro della Radio Televisione di Belgrado, dir. Mladen Jagušt

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...