Henriëtte Bosmans

Henriëtte Bosmans (1895 – 1952)

Henriëtte Bosmans, pianista di fama intenazionale, è ricordata tra le più importanti compositrici dei Paesi Bassi del XX secolo; il suo stile, straordinariamente moderno, è ispirato all’impressionismo musicale di Claude Debussy e alla politonalità di Willem Pijper.
Henriëtte Bosmans nasce ad Amsterdam; è figlia di Henri Bosmans, primo violoncello dell’Orchestra del Concertgebouw, e di Sara Benedicts, pianista e insegnante al Conservatorio di Amsterdam. Rimasta orfana del padre all’età di otto mesi, Henriëtte studia sotto la guida di sua madre; nel 1913, a Utrecht, si diploma con lode in pianoforte, dal 1922 suona regolarmente con il Concertgebouw di Amsterdam e insegna alla Toonkunst Music School di Amsterdam.
Durante l’adolescenza Henriëtte Bosmans inizia a scrivere le sue prime composizioni; completa la sua formazione musicale con Jan Willem Kersbergen, studia orchestrazione con Cornelis Dopper e Willem Pijper. Nel 1919 si esegue in pubblico per la prima volta una sua opera, una sonata per violino.
Nel 1921 Henriëtte Bosmans intreccia una relazione amorosa con la violoncellista Frieda Belinfante; con lei si esibisce in duo e in gruppi cameristici con il flautista Johan Feltkamp, il violinista Ferdinand Helmann e il violoncellista Henk van Wezel. In questi anni il violoncello ha un ruolo importante nelle composizioni di Bosmans; si ricordano in particolare il Trio per pianoforte, violino e violoncello del 1921, il secondo Concerto per violoncello del 1923 e “Impressioni” per violoncello e pianoforte del 1926.
Del 1928 è la sua opera più famosa, il Concertino per pianoforte e orchestra, composto quando studiava con Willem Pijper.
Nel 1934 Henriëtte Bosmans decide di sposare il violinista Francis Koene, tuttavia, le nozze previste per il mese di maggio del 1935 non vengono celebrate; Francis Koene muore per un tumore al cervello. Profondamente segnata da questo evento, Henriëtte Bosmans cessa per anni di comporre.
Durante l’occupazione tedesca, inoltre, essendo ebrea per parte di madre, lei e le sue opere sono bandite dalle sale da concerto.
Dopo la seconda guerra mondiale Henriëtte Bosmans si occupa di giornalismo musicale; nel 1948 incontra il mezzosoprano francese Noëmie Perugia che la ispira a comporre nuovamente. Henriëtte Bosmans trascorre gli ultimi due anni di vita tormentata da un cancro allo stomaco.
Un premio musicale col suo nome è istituito nel 1994 allo scopo di incoraggiare i giovani compositori olandesi.

Concertino per pianoforte e orchestra
Ralph van Raat, pianoforte
Nederlands Philharmonisch Orkest, dir. Etienne Siebens

Sonata per violoncello e pianoforte
(Allegro maestoso – Un poco allegretto 09:26 – Adagio 14:04 – Allegro molto e con fuoco 17:41)
Doris Hochscheid, violoncello
Frans van Ruth, pianoforte

Pezzo da Concerto per flauto e orchestra da camera
Jaques Zoon, flauto
Orchestra da camera della Radio olandese, dir. Jac van Steen

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.