László Lajtha

László Lajtha (1892 – 1963) László Lajtha, compositore, etnomusicologo e pedagogo, direttore della musica per la Radio ungherese, direttore del Museo di Etnografia e del Conservatorio Nazionale di Budapest, ben conosciuto all’estero, in patria subisce la censura del regime comunista negli anni della “Guerra Fredda”. Ricordato assieme a Kodály e Bartók per le sue ricerche […]

Philipp Jakob Riotte

Philipp Jakob Riotte (1776 – 1856) Compositore e direttore d’orchestra tedesco, Philipp Jakob Riotte è ricordato soprattutto per le sue opere allestite nei teatri viennesi; contemporaneo di Beethoven, è ritenuto un autore che ha saputo adattare le sue composizioni ai gusti del tempo senza, tuttavia, brillare per originalità creativa.

Paul Graener

Paul Graener (1872 – 1944) Paul Graener, compositore e direttore d’orchestra tedesco, torna all’attenzione degli studiosi dopo decenni di totale oblio; ultimamente si analizzano i suoi rapporti con l’ideologia nazista, avendo particolare riguardo al periodo dal 1935 al 1941 durante il quale, come vicepresidente della Reichsmusikkammer (la commissione governativa per la musica),  mantiene contatti amichevoli […]

Haydn – Sinfonia n. 47 “Palindroma”

Franz Joseph Haydn – Sinfonia n. 47 in sol maggiore “Palindroma” Il palindromo è una sequenza di caratteri che, letta al contrario, rimane invariata; “i topi non avevano nipoti” è un esempio di frase palindroma, così come il terzo movimento di questa la Sinfonia, Menuet al roverso, il cui tema viene letto dai musicisti da […]

Giovanni Sgambati

Giovanni Sgambati (1841 – 1914) Pianista e compositore romano, Giovanni Sgambati è ricordato con Giuseppe Martucci tra i pionieri del sinfonismo italiano; scrive musica strumentale quando in Italia impera il melodramma, i suoi lavori meritano di essere conosciuti al pari di quelli di molti compositori tedeschi o francesi.

Fernand de La Tombelle

Fernand de La Tombelle (1854 – 1928) Fernand de La Tombelle, eclettica figura di nuovo umanista, è ricordato sia come fondatore,  con d’Indy, Guilmant e Bordes, della Schola Cantorum di Parigi, sia per l’attività di promozione musicale presso i ceti meno abbienti; compositore e virtuoso organista, è anche pittore, fotografo, scrittore, s’interessa addirittura di astronomia.